Guerra alle Catene o alle Srl Odontoiatriche?

Si è da pochi giorni concluso l’ennesimo tentativo di riformare il mercato odontoiatrico a colpi di emendamenti. Tuttavia il testo di questo provvedimento era così iniquo e incoerente che vale davvero la pena di leggerlo e di commentarlo, nella speranza che alla prossima occasione la stesura venga ragionata come si deve. In estrema sintesi questo emendamento, se approvato, avrebbe colpito soltanto i professionisti che si sono costituiti in società e non le Catene contro cui, ufficialmente, era diretto. Per fortuna il demagogico consenso con cui è stato presentato non era sufficiente a garantire la sua approvazione.

Ragioni di opportunità mi hanno indotto a pubblicare questo articolo solo dopo che la Commissione parlamentare ha già dichiarato inammissibile l’emendamento presentato dall’On. Endrizzi in Commissione Sanità del Senato contro le Catene.

Mi riferisco precisamente all’Emendamento A.S. 1586 art. 55, avente per oggetto “Esercizio dell’attività odontoiatrica”. Se non lo avete ancora letto, consiglio vivamente di farlo perchè merita attenzione. Si tratta di poche righe.

Passato qualche giorno, a bocce ferme, spero che le mie considerazioni abbiano ancora maggior valore, visto che non ci sono interessi di parte da difendere.

Il testo si compone di due parti:

  1. l’Emendamento vero e proprio (destinato a diventare Legge) e
  2. le Note di accompagnamento (con lo scopo di chiarirne le motivazioni).

Ebbene, nel suo complesso, il documento contiene errori di valutazione così gravi, grossolane approssimazioni e vizi di prospettiva sull’attuale situazione odontoiatrica che verrebbe spontaneo a chiunque (del settore) considerarlo distorto e strumentale.

Probabilmente nessuno dei concetti espressi nella Nota di accompagnamento all’emendamento corrisponde al vero e di seguito ne esporrò i motivi nel modo più circostanziato possibile.

Siano poi le associazioni di categoria, i sindacati e la comunità dei colleghi odontoiatri a valutare se gli argomenti seguenti siano meritevoli di una considerazione per il futuro. Laddove si dovesse riprendere in mano una proposta analoga, magari si potrebbe farlo in modo più equo ed efficace. Leggi tutto “Guerra alle Catene o alle Srl Odontoiatriche?”

Commissione disciplinare e pubblicità sanitaria: decoro e concorrenza

Presentiamo una disamina della situazione normativa attuale in tema di pubblicità sanitaria che espone l’odontoiatra al rischio di sanzioni da parte della commissione disciplinare del proprio ordine. Tra deregolamentazione selvaggia, strategie commerciali applicate alla salute, interessi contrapposti tra soggetti diversi, guerriglie istituzionali tra organismi dello stato, ambiguità dei riferimenti normativi, iperrealismo e ipermetropia dei giudicanti, un dentista non sa più che comportamenti tenere per stare sul mercato in modo competitivo.

Sono passati pochi mesi dalla pubblicazione della Legge di Bilancio 2019  (Legge 30/12/2018, n. 145) e la commissione disciplinare di un Ordine ha già colpito: è così che i timori espressi da più parti si sono puntualmente materializzati.

Anche su questo blog ci siamo dedicati al tema della pubblicità odontoiatrica esprimendo una certa soddisfazione per il senso generale della legge in questione ma sospendendo il giudizio riguardo ai modi con cui il nuovo indirizzo è stato intrapreso.

Oggi stanno accadendo fatti nuovi che ci obbligano a non rinviare ulteriormente la riflessione sul tema della pubblicità in odontoiatria, se è vero che le componenti soggettive e discrezionali contenute in quella legge vengono utilizzate in modo strumentale da una commissione disciplinare per fare giustizia politica e sommaria verso i propri competitors.

Prenderò dunque spunto da questi eventi di cronaca per approfondire nel particolare ogni aspetto della questione.

Ci interessa capire se una sospensione dall’Albo inflitta dalla Commissione Disciplinare dell’Ordine ed i relativi addebiti abbiano basi solide oppure no. Leggi tutto “Commissione disciplinare e pubblicità sanitaria: decoro e concorrenza”

Fondo di garanzia per dentisti e per società odontoiatriche

Il dentista medio, come ogni buon imprenditore, trascorre alcune ore notturne con gli occhi sbarrati pensando ai debiti che ha contratto con le banche oppure alla paura di fare investimenti e di contrarre i debiti relativi. In entrambi i casi la qualità della vita ne risente in qualche misura. Per favorire imprenditori e professionisti (quindi anche dentisti e società odontoiatriche) lo Stato ha istituito uno speciale Fondo di Garanzia che può aiutarci a risolvere, in gran parte questo problema. Se vuoi cominciare a dormire meglio leggi questo articolo.

Il Fondo di Garanzia è un potentissimo strumento economico finanziario a disposizione anche dei dentisti, ma solo una piccola minoranza di noi ne ha beneficiato.

Perchè potentissimo? Presto detto.

E’ immediato da capire, semplice da usare, facile da ottenere, ma soprattutto fornisce a ciascuno di noi una grande quantità di denaro per fare investimenti o per finanziare l’attività, senza i pensieri negativi che di solito accompagnano l’indebitamento.

Il mio studio è uno di quelli che ha beneficiato di questo strumento messo a disposizione del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ed è stato solo per caso che ne sono venuto a conoscenza. Obiettivo dichiarato di questo articolo è che ogni dentista italiano sappia quali opportunità porta con sé il Fondo di Garanzia.

Vediamo di cosa si tratta senza alcuna pretesa di costituire una guida all’uso, ma al solo scopo di offrire una prospettiva nuova a chi non ne ha ancora sentito parlare. Leggi tutto “Fondo di garanzia per dentisti e per società odontoiatriche”

Iperammortamento: i beni che possono godere del beneficio fiscale

Una questione ancora non chiaramente definita è quali siano i beni strumentali ammessi al beneficio fiscale dell’Iperammortamento nell’ambito del piano Industria 4.0 e Sanità 4.0. Con questo articolo, citando direttamente le fonti normative, tentiamo di fare ordine attribuendo ad ogni bene strumentale più comune nello studio dentistico un commento circa la sua effettiva eligibilità.

I beni strumentali che possono essere ammessi all’Iperammortamento sono descritti dalla Legge in modo abbastanza dettagliato. Ciononostante in ambito odontoiatrico non è sempre facile capire cosa sia ricompreso e cosa non lo sia.

In questo Paese, data l’intelligenza viva dei suoi abitanti, esistono sempre due distinte versioni delle regole: quella scolpita sulle gazzette ufficiali e quelle derivanti da successive interpretazioni, circolari, sentenze, pareri pro veritate, ecc ecc fino ad arrivare a fonti che valgono poco più delle chiacchiere da bar.

Ciò che state per leggere appartiene ora al primo insieme, ora al secondo.

Rispetto ai primi due articoli, già pubblicati sul tema dell’Iperammortamento (uno del 2017 e uno dell’inizio di quest’anno) ci dedichiamo qui ad esaminare in modo analitico quali beni strumentali siano verosimilmente riconducibili al beneficio fiscale previsto dal legislatore. Leggi tutto “Iperammortamento: i beni che possono godere del beneficio fiscale”

Spese di rappresentanza, Dentista e Srl odontoiatrica

Quando si parla di pianificazione fiscale si parla di una materia seria e rigorosa, molto diversa da quella che allegri imbonitori sul web vorrebbero far passare. Ma per pianificare correttamente, gli strumenti e le conoscenze andrebbero possedute con largo anticipo (almeno un anno prima). Un caso tipico è rappresentato dalle spese di rappresentanza, dalle erogazioni liberali e dalle sponsorizzazioni, che spesso vengono confuse con le spese di marketing, di pubblicità o addirittura con i benefits e i rimborsi spesa. Il trattamento fiscale di queste poste è così diverso tra loro che vale la pena di conoscerlo, sia per il dentista che per la Srl odontoiatrica.

Spesso confondiamo tra loro spese diverse che si assomigliano molto ma vengono trattate dal legislatore in modo differente sul piano fiscale: spese di rappresentanza, omaggi e regalie, spese di pubblicità e marketing, sponsorizzazioni, benefits, gli incentivi e i premi produzione, rimborsi spese, ecc.

Il dentista comune, non avendo una preparazione specifica su questi temi, normalmente prima sostiene dei costi a sentimento e solo dopo (magari quando il commercialista lo obbliga a farlo) cerca di attribuire a ciascuno costo la corretta destinazione.

Se invece queste operazioni fossero pianificate in anticipo, conoscendo il valore fiscale di ciascuna posta, si potrebbero programmare piccoli e grandi investimenti anche in funzione del beneficio fiscale che generano e non solo dell’effetto ricercato in termini di sviluppo.

In altri casi è proprio la conoscenza del vantaggio fiscale di un determinato investimento ad indurci a compierlo, laddove in precedenza non ci era sembrato conveniente. E’ stato il caso recente del superammortamento o dell’iperammortamento, così come è il caso del Welfare aziendale o di molte altre opportunità descritte in questo blog.

Trattando questo tema a beneficio dei colleghi dentisti non sfuggirà, anche questa volta, come i vantaggi per la Srl Odontoiatrica siano superiori a quelli per il dentista tradizionale anche nel caso delle spese di rappresentanza. Leggi tutto “Spese di rappresentanza, Dentista e Srl odontoiatrica”

Successione, Tutela del patrimonio e passaggio generazionale in odontoiatria

Una delle preoccupazioni dominanti di ogni dentista è quella di proteggere la propria famiglia in caso di eventi negativi (decesso, malattia, infortunio) che impediscano di proseguire la professione. Come preservare gli investimenti fatti? Come valorizzare una vita di sacrifici? Come tutelare gli eredi in caso di successione? Pur avendo già trattato questo tema, ci ritorniamo sopra con alcuni esempi pratici. Pochi e semplici accorgimenti possono portare enormi benefici e sicurezza.

Di pianificazione successoria , successione e tutela patrimoniale abbiamo già parlato a più riprese e in generale.

In questo articolo ci interessa illustrarvi qualche caso pratico per farvi toccare con mano di cosa stiamo realmente parlando.

Al fine di rendere chiara la questione, dobbiamo necessariamente partire dal regime fiscale della successione nel nostro Paese. Quello che ti invitiamo a fare è un piccolo sforzo in vista di grandi benefici: resisti alla tentazione di chiudere l’articolo nella sua prima parte e arriva alla seconda. Leggi tutto “Successione, Tutela del patrimonio e passaggio generazionale in odontoiatria”

Ammortamento, Superammortamento e Iperammortamento per i dentisti

Molti colleghi dentisti non conoscono gli strumenti economici, finanziari e fiscali tipici delle imprese ed i vantaggi ad essi correlati. Tipico è il caso dell’Iperammortamento per l’acquisto dei beni previsti dai piani Sanità 4.0 e Industria 4.0. Sono quasi tre anni che ne parliamo su questo blog e finalmente la categoria sta prendendo coscienza dello spread competitivo tra dentisti che operano in forma tradizionale e quelli che lo fanno in forma di impresa. In questo articolo marchiamo in modo numerico un differenziale competitivo che lascia sbalorditi.

In principio fu ammortamento, poi superammortamento al 140%, poi iperammortamento al 250%, poi superammortamento al 130%, poi il superammortamento è scomparso e da ultimo l’iperammortamento è arrivato al 270% (Legge di Bilancio 2019).

Poteva essere finita così? Ovviamente no: pochi giorni dopo la pubblicazione di questo articolo il superammortamento al 130% è stato reintrodotto (ma con riserva …, staremo a vedere).

Era già tanta la confusione creata dal legislatore. Il resto lo hanno fatto le circolari esplicative dell’agenzia delle entrate, le dichiarazioni delle aziende produttrici di beni, i commercialisti ed i revisori contabili più o meno solerti, le testate specializzate (e quelle un po’ meno) …

In tutto questo bailamme di notizie, controinformazione, retroguardie ideologiche, euforie e sconforti ingiustificati, il dentista, come al solito, ha finito con il capirci più nulla.

Eppure l’Iperammortamento rappresenta uno degli strumenti finanziari e fiscali più potenti mai messo a disposizione degli studi dentistici dallo Stato, con continue aperture, estensioni ed inclusioni.

Eccetto una, meglio dirlo subito: l’Iperammortamento vale solo per i dentisti che si sono costituiti in forma di impresa.

Di Iperammortamento abbiamo già parlato in questo blog un paio di anni fa, poco dopo la sua apparizione ufficiale. Ora è il caso di tornarci, perchè molte cose sono cambiate (in meglio) e lo strumento, oramai collaudato, è riconosciuto come affidabile.

Leggi tutto “Ammortamento, Superammortamento e Iperammortamento per i dentisti”