Regime fiscale forfettario per i dentisti: nuove opportunità.

Il nuovo Regime Forfettario prevede la possibilità di accedere ad una tassazione ridotta al 15% (o del 5%) fisso per tutti i dentisti che non superino i 65.000 € di ricavi dal 2019. Questa novità da una parte segna la fine degli studi associati e delle società di persone in ambito odontoiatrico, dall’altra esalta il potenziale delle società di capitale. Esaminiamo in questo articolo quali opportunità e quali difficoltà possono incontrare i dentisti nell’accesso al regime forfettario.

La Legge di Bilancio 2019 aveva introdotto interessanti novità per quanto riguarda le imposte sul reddito dei professionisti, implementando una rimodulazione dell’accesso al regime forfettario che già era stato introdotto con la precedente Legge 23 dicembre 2014, n. 190. Queste novità erano particolarmente utili ai dentisti, soprattutto per l’alta incidenza dei costi fissi nella produzione dei nostri studi.

Con la Legge di Bilancio 2020 il Legislatore è tornato ancora una volta sul tema, dando la sensazione concreta che i diritti dei professionisti ed i loro destini economici siano legati agli umori politici del palazzo piuttosto che sul senso di equità e giustizia che dovrebbe animarli.

Vediamo di costa si tratta esaminando la normativa in ordine cronologico e visualizzando le differenze tra un dettato normativo e quello successivo.

Il regime forfettario per i dentisti prima della Legge di Bilancio 2019

Come detto è stata la Legge n. 190 del 23 dicembre 2014 a introdurre il regime forfettario di determinazione delle imposte sui redditi anche per i professionisti (dentisti compresi).

In particolare ci interessano i commi dal 54 al 57 dell’art. 1, nei quali veniva stabilito che la soglia di accesso al regime forfettario, per i professionisti, era per ricavi (o compensi) che non superassero i 30.000 €.

In luogo della tassazione ordinaria Irpef a costoro veniva applicata una imposta sostitutiva sul reddito del 15% fisso.

Il comma 54 diceva testualmente:

“I contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni applicano il regime forfettario di cui al presente comma e ai commi da 55 a 89 del presente articolo se, al contempo, nell’anno precedente:

  • Hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori ai limiti indicati nell’allegato n. 4 annesso alla presente legge, diversi a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata;
  • Hanno sostenuto spese per un ammontare complessivamente non superiore ad euro 5.000 lordi per lavoro accessorio […], per lavoratori dipendenti, collaboratori […];
  • Il costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, dei beni strumentali alla chiusura dell’esercizio non supera 20.000 euro.”

Attenzione: si parlava di ricavi e NON di reddito imponibile (o utile). La platea dei dentisti che potevano accedere al regime forfettario prima della nuova legge era dunque piuttosto bassa, dal momento che uno studio dentistico medio incassa molto di più di 30.000 € all’anno (anche se, per via di costi di produzione enormi, i suoi margini di profitto sono nettamente più bassi).

Per la nostra categoria sarebbe stato più opportuno fare riferimento al reddito imponibile, ma così non è stato. Il risultato era che molti dentisti sono stati sull’orlo del fallimento per mancanza di guadagni ma non potevano comunque accedere al regime forfettario.

Alcuni di loro hanno perciò dovuto spostare tutto il reddito su una Srl Odontoiatrica, facendo emergere il loro vero compenso professionale mediante fatturazione alla stessa. E’ stato l’unico modo per far capire al legislatore, ma anche all’Agenzia delle Entrate, che c’è una differenza enorme tra reddito di impresa e reddito personale e che l’attribuzione per trasparenza del reddito di impresa tout court all’imprenditore (come avviene negli studi professionali) è una assurdità ipocrita.

Per giunta, anche quando i ricavi erano inferiori ai 30.000 €, molti di noi non hanno comunque avuto l’accesso al regime forfettario per via di criteri di esclusione diversi dalle soglie di ricavi o compensi e sopra richiamati. In particolare si segnalano gli elementi non economici previsti nel comma 57:

“Non possono avvalersi del regime forfettario:

  1. le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto o di regimi forfetari di determinazione del reddito;
  2. i soggetti non residenti […];
  3. i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati […];
  4. gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni di cui all’articolo 5 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, ovvero a società a responsabilità limitata di cui all’articolo 116 del medesimo testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 1986, e successive modificazioni.”

Detto che il punto 1 non ci riguarda, come precisato nella Circolare 10/E/2016 della stessa Agenzia delle Entrate, e che i punti 2 e 3 sono residuali, un duro colpo era rappresentato invece dal punto 4 che, prima di questa nuova legge, impediva ai dentisti di accedere al regime forfettario anche per il tramite di una Srl Odontoiatrica. La norma era così mal scritta (o male pensata) che, non precisando bene a quali società si riferisse l’esclusione, sostanzialmente impediva l’accesso al regime forfettario anche ad un dentista che fosse contemporaneamente socio di una Srl per editoria o carpenteria metallica e quindi assolutamente estranea all’attività odontoiatrica.

E’ probabile che il legislatore abbia capito la necessità di allargare l’accesso al regime forfettario, tanto è vero che le disposizioni contenute nella legge di bilancio 2019 erano estensive rispetto alle precedenti. E non di poco.

Il regime forfettario per i dentisti dopo la Legge di Bilancio 2019

La nuova Legge, al comma 9 dell’art. 1 diceva subito che il comma 54 della legge precedente era sostituito in questo modo:

“I contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni applicano il regime forfettario […] se nell’anno precedente hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a euro 65.000.”

Si parlava sempre ingiustamente di ricavi e non di reddito, ma la soglia è stata elevata quantomeno da 30.000 € a 65.000 € e sono spariti tutti i limiti economici precedenti.

Tali soglie escludevano ancora dal beneficio la stragrande maggioranza dei dentisti italiani, ma è interessante notare come fossero state ridimensionate le incompatibilità societarie.

Il comma 57 della legge precedente, infatti veniva modificato come segue, escludendo dal beneficio del regime forfettario:

“Gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone, ad associazioni o a imprese familiari […], ovvero che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.”

E’ evidente come il legislatore si sia accorto degli errori precedenti ed abbia inteso porvi riparo, almeno in modo parziale.

Vediamo, alla luce di queste novità, come potrebbe configurarsi un nuovo rapporto dentista/imposte con degli strumenti societari e fiscali da oggi disponibili.

Il regime forfettario per i dentisti dopo la Legge di Bilancio 2020

L’ultimo atto della tarantella sul Regime Forfettario si registra negli ultimi giorni del 2019, quando esce la Legge di Bilancio 2020. Alcune delle previsioni modificate dalla Legge 2019 vengono reintrodotte, altre piccole modifiche vengono aggiunte.

Le regole finali per l’accesso sono le seguenti.

Accedono al regime forfetario i contribuenti che nell’anno precedente hanno, contemporaneamente:

  • Conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 € (se si esercitano più attività, contraddistinte da codici Ateco differenti, occorre considerare la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate)
  • Sostenuto spese per un importo complessivo non superiore a 20.000 € lordi per lavoro accessorio, lavoro dipendente e compensi a collaboratori, anche a progetto, comprese le somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati con apporto costituito da solo lavoro e quelle corrisposte per le prestazioni di lavoro rese dall’imprenditore o dai suoi familiari.

Anche chi inizia un’attività può accedere al regime forfetario, comunicando nella relativa dichiarazione ai fini Iva di presumere la sussistenza dei requisiti.

Sono invece esclusi dal forfettario:

  1. Le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini Iva o di regimi forfetari di determinazione del reddito
  2. I non residenti, ad eccezione di coloro che risiedono in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono in Italia almeno il 75% del reddito complessivamente realizzato
  3. I soggetti che effettuano, in via esclusiva o prevalente, operazioni di cessione di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi
  4. Gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano contemporaneamente a società di persone, associazioni professionali o imprese familiari ovvero che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte individualmente
  5. Le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a tali datori di lavoro, fatta eccezione per chi inizia una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni
  6. Coloro che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e/o assimilati di importo superiore a 30.000 €, tranne nel caso in cui il rapporto di lavoro dipendente nell’anno precedente sia cessato (sempre che in quello stesso anno non sia stato percepito un reddito di pensione o un reddito di lavoro dipendente derivante da un altro rapporto di lavoro).

Come si calcola l’imposta sui redditi nel regime forfettario

Un dentista che applichi il regime forfetario determina il proprio reddito imponibile applicando, all’ammontare dei ricavi conseguiti o dei compensi percepiti, un coefficiente di redditività del 78%. Questo significa che posto a 100 € l’ammontare dei propri ricavi nell’anno, questi verranno abbattuti forfettariamente del 22%. In altre parole si presume d’ufficio che per produrre 100 € di ricavi il dentista abbia sostenuto 22 € di costi e quindi l’imponibile Enpam vero sia di soli 78 €. Da questo valore andranno sottratti i contributi Enpam per determinare l’imponibile fiscale.

Al reddito imponibile si applica un’unica imposta del 15%. Essa deve considerarsi sostitutiva di tutte quelle ordinariamente previste:

  1. Imposte sui redditi Irpef
  2. Addizionali regionale e comunale,
  3. Irap

Proviamo a fare un esempio prendendo l’ipotesi di un dentista che abbia conseguito nell’anno precedente ricavi per 60.000 € e che non si ritrovi in alcuna della cause di esclusione (su cui torneremo) descritte in precedenza.

ESEMPIO

Ricavi anno precedente: 60.000 €

Riduzione forfettaria del reddito: 60.000 – 22% = 46.800 €

Deduzione dei contributi Enpam quota B: 46.800 € - 18,5% = 38.142 €

Deduzione del contributo Enpam quota A: 38.142 € - 1.551 € = 35.591 €

Applicazione aliquota fissa imposta sostitutiva: 35.591 € - 15% = 31.102 € circa

Ora non si tratta di controllare i numeri alla virgola per verificare se il calcolo fine è corretto, E’ molto più importante focalizzarsi sul senso generale. All’interno del regime forfettario un ricavo complessivo di 60.000 € viene abbattuto fino a 35.591 € prima di applicare l’aliquota fiscale del 15%.

In conclusione su 60.000 € di ricavi si paga una imposta sostitutiva di 5.488 € che rappresenta, per effetto degli abbattimenti, il 9,14% reale, non il 15% teorico prescritto dalla norma.

Ma non è finita qui.

L’imposta sostitutiva è ridotta dal 15% al 5% per i primi cinque anni di attività (dentista junior) in presenza di determinati requisiti:

  1. Il contribuente non ha esercitato, nei tre anni precedenti, attività professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  2. L’attività da intraprendere non costituisce, in nessun modo, mera prosecuzione di altra precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo;
  3. Se viene proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio non supera il limite che consente l’accesso al regime.

Nell’esempio precedente, il 5% teorico verrebbe sostituito da un 2,9% circa.

Vale la pena ricordare che, fuori dal regime forfettario, un professionista che non abbia costi deducibili su 60.000 € di ricavi pagherebbe una aliquota marginale Irpef molto più alta dell’aliquota fissa del forfettario, sia junior che senior. Nel caso specifico, al netto dei contributi Enpam, l’aliquota marginale media sarebbe del 27,7% ovvero circa 3 volte tanto nei casi senior e circa 9 volte tanto nei casi junior. A questo 27,7% dovremo poi aggiungere altri punti percentuali di addizionali locali e regionali che nel caso del forfettario non si applicano. Si arriva facilmente al 30%.

Ora possiamo arrivare alla domanda che più ci preme e che svilupperemo da qui in avanti: “quando mai potrà accadere che un professionista dentista possieda i requisiti descritti nella norma?” Per attività mature possiamo dire che non accade quasi mai, soprattutto se facciamo riferimento alle soglie di ricavi ed all’assenza di costi deducibili. Ci sono tuttavia delle importanti eccezioni e sono rappresentate dai consulenti, ovvero da tutti quei dentisti che svolgono solo attività di consulenza per terzi, ricavando dalla consulenza ricavi personali puliti e lasciando il totale dei ricavi e dei costi di produzione in capo a quei terzi.

La partecipazione ad una Srl Odontoiatrica, in luogo della professione tradizionale, apre appunto questo tipo di scenario, seppur con tutte le limitazioni e le preclusioni imposte dal legislatore.

La Srl Odontoiatrica e l’accesso al regime forfetario

Possiamo dividere la comunità dei dentisti in due grandi categorie: quelli con ricavi compatibili con il regime forfettario e quelli incompatibili.

  1. Per tutti i professionisti che hanno conseguito ricavi fino a 65.000 euro dal 2019, i vantaggi di costituirsi in Srl Odontoiatrica non vanno ricercati nelle imposte, ma nelle maggiori tutele della persona e della propria famiglia (come descritto nella prossima sezione del libro). Poiché costoro infatti accedono naturalmente al regime forfettario, sul piano puramente fiscale, una Srl Odontoiatrica non riserva vantaggi fiscali così rilevanti da compensare i maggiori costi economici ed organizzativi di una società di capitali.
  2. Per tutti i dentisti, invece, i cui ricavi siano superiori ai limiti appena detti il vantaggio fiscale deve essere ricercato nella costituzione di una Srl Odontoiatrica con le giuste caratteristiche statutarie.

In questo secondo caso, infatti, il dentista sposterà l’attività all’interno di una Srl Odontoiatrica e percepirà da questa un compenso determinato secondo le indicazioni sui compensi professionali già descritte in un altro articolo. La modulazione del proprio compenso avverrà sulle effettive necessità personali e della propria famiglia e verrà assoggettato all’aliquota Irpef del 15% fissa (o 5% se junior) qualora ricada entro il limite dei 65.000 €, mentre la rimanente parte del reddito di impresa rimarrà all’interno della Srl odontoiatrica e sarà assoggettata all’aliquota Ires del 24% fissa.

Oltre agli altri vincoli posti dal legislatore si dovrà adottare la precauzione che l’odontoiatra non controlli direttamente o indirettamente la società.

E questo è un argomento abbastanza controverso. Cerchiamo di capire quando si realizza o non si realizza tale condizione.

Come si opta per il regime forfettario

Poiché il regime forfetario è un regime naturale, i dentisti che possiedono i requisiti e che già sono in attività, vi accedono senza dover fare alcuna comunicazione preventiva o successiva.

Per i neolaureati, invece, che hanno appena aperto la partita iva che presumono di rispettare il requisito e le condizioni previste per l’applicazione del regime, hanno l’obbligo di darne comunicazione nella dichiarazione di inizio attività (modello AA9/12). Trattandosi di un regime naturale, questa comunicazione non ha valore di opzione, ma è richiesta unicamente ai fini anagrafici. Pertanto, l’omessa indicazione nella dichiarazione di inizio attività dell’intenzione di applicare il regime forfetario non preclude l’accesso al regime medesimo, ma è punibile con una sanzione amministrativa da 250 a 2.000 euro.

L’attestazione della sussistenza dei requisiti per l’accesso al regime e dell’assenza della cause ostative va fatta in sede di dichiarazione annuale dei redditi.

I contribuenti che potenzialmente devono applicare il regime forfetario hanno la possibilità di disapplicarlo, ovvero di fuoriuscirne, optando per la determinazione delle imposte sul reddito e dell’imposta sul valore aggiunto nei modi ordinari. L’opzione per il regime ordinario avviene tramite comportamento concludente. L’omessa comunicazione in dichiarazione della volontà di applicare il regime ordinario non inficia l’opzione effettuata, ma è punibile con una sanzione amministrativa da 250 a 2.000 euro. L’opzione per l’applicazione del regime ordinario è valida per almeno un triennio. Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata.

Il controllo della Srl Odontoiatrica da parte del professionista

La nozione di controllo di una società da parte di soggetti terzi, prima del 10 aprile 2019, trovava riscontro solo in tre ambiti: il Codice Civile, il TUF (o Testo Unico della Finanza) le interpretazioni della Agenzia delle Entrate.

Il codice civile all’art. 2359 recita quanto segue:

“Sono considerate società controllate:

  1. le società in cui un’altra società dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria;
  2. le società in cui un’altra società dispone di voti sufficienti per esercitare un’influenza dominante nell’assemblea ordinaria;
  3. le società che sono sotto influenza dominante di un’altra società in virtù di particolari vincoli contrattuali con essa.

Ai fini dell’applicazione dei numeri 1) e 2) del primo comma si computano anche i voti spettanti a società controllate, a società fiduciarie e a persona interposta”

In primo luogo è da notare come il concetto di controllo su una società è attribuibile, secondo il codice civile, solo ad un’altra società. Non sono previste altre ipotesi e quindi è da escludere che una persona fisica possa esercitare il controllo su una società. Volendo tuttavia accettare una interpretazione estensiva possiamo dire che il controllo si concretizza quando il soggetto dispone “della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria”.

Poiché il diritto di voto non è obbligatoriamente proporzionale alle quote sociali possedute, saranno certamente le previsioni statutarie a fare la differenza nella determinazione del controllo. Laddove i diritti dei soci non siano modificati dallo statuto crediamo sia ragionevole sostenere che chi detiene la maggioranza assoluta delle quote abbia decisamente il controllo della società e quindi sia incompatibile con l’accesso al regime forfetario. In tutti i casi dove invece tale professionista può essere messo in minoranza da altri soci in assemblea l’accesso al regime forfetario dovrebbe essere consentito. Frequente è il caso di soci che si dividono quote e diritti di voto in parti uguali: anche in questo caso nessuno dei soci ha oggettivamente il controllo della società.

Il TUF, all’articolo 93, stabilisce cosa debba intendersi precisamente con la definizione di controllo societario. Si legge testualmente:

“Nella presente parte sono considerate imprese controllate, oltre a quelle indicate nell’articolo 2359, primo comma, numeri 1 e 2, del codice civile, anche:

  1. le imprese su cui un soggetto ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausola statutaria, di esercitare un’influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausole;
  2. le imprese su cui un socio, in base ad accordi con altri soci, dispone da solo di voti sufficienti a esercitare un’influenza dominante nell’assemblea ordinaria.”

La stessa Agenzia delle Entrate, dal canto suo, si esprimeva sul tema del Controllo Societario nella Risoluzione 276/2007 con queste parole:

“La nozione di controllo individuata dall’art. 2359 c.c. presuppone necessariamente l’esistenza di una situazione in cui un unico soggetto ha la capacità di influire in modo determinante sulle scelte operate da un altro soggetto.”

Nei passaggi successivi ribadisce peraltro che quando due soci si dividono al 50% le quote della stessa società, può essere attribuito ad uno dei due il controllo della società solo se si può dimostrare che in virtù di particolari rapporti contrattuali questi impone la propria volontà al secondo.

Incredibile auditu, sembra che le tre fonti siano concordi: l’accesso al regime forfettario sarebbe dunque compatibile con un assetto societario nel quale il professionista beneficiario non detenga più del 50% delle quote, se non intervengono elementi sostanziali e documentabili atti a dimostrare che esiste un controllo di fatto in sostituzione al controllo di diritto (ovvero, in subordine, pur possedendo quote di maggioranza i suoi diritti di voto in assemblea non determinino la maggioranza assoluta delle decisioni).

La circolare n. 9 del 10 aprile 2019 dell’Agenzia delle Entrate

Con la circolare n. 9 del 10/4/2019 l’Agenzia delle Entrate è poi tornata sul tema del controllo societario, estendendo il concetto di controllo in due direzioni:

  1. la prima riguarda le percentuali di quote possedute. Si fa esplicito riferimento al 50% facendo capire chiaramente che un dentista che possiede la metà delle quote di una Srl Odontoiatrica non può accedere al forfetario.
  2. la seconda riguarda la titolarità delle quote residue. Qualora un dentista possedesse da 0 a 49% ma raggiungesse il 51 per il tramite di un familiare fino al 3 grado o un affine fino al secondo grado, egli sarebbe nuovamente escluso dal forfettario.

In sostanza i familiari e gli affini, a parere dell’Agenzia, integrano i presupposti della interposta persona previsti dal combinato disposto dell’art. 2359 c.c. sopra richiamato, commi 1 e 2.

Rimozione del controllo

Molti colleghi si trovano senz’altro in una delle condizioni ostative che precludono l’accesso al regime forfettario. La più spinosa è senza dubbio il possesso di quote societarie superiori al 50%.

Ebbene la domanda che ci si pone in questo caso è la seguente: se cedo le quote in esubero posso accedere al regime forfettario? La risposta è sì.

La stessa Agenzia delle Entrate peraltro, non solo precisa che la pratica di alienazione delle quote è legittima, ma specifica altrettanto chiaramente che non integra alcuna ipotesi di elusione. Infatti nella delibera n. 9 del 10/4/2019 si afferma testualmente:

“Le operazioni di realizzo delle partecipazioni al fine di applicare il regime forfetario non sono censurabili ai fini dell’abuso del diritto di cui all’articolo 10-bis della legge n. 212 del 2000, trattandosi di comportamenti volti a rimuovere le cause ostative prima di applicare il regime, rispettandone in tal modo la ratio sottostante.”

La domanda successiva potrebbe essere: entro quando devo rimuovere questo ostacolo per poter accedere al regime forfettario? La risposta in questo caso non è semplice, ma è sempre l’Agenzia delle Entrate a dirimere il dubbio, là dove si afferma testualmente che:

“In considerazione della pubblicazione della legge di bilancio del 2019 nella Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 302 del 31 dicembre 2018 e in ossequio a quanto previsto dall’articolo 3, comma 2, della Legge n. 212 del 2000 (Statuto dei diritti del contribuente), qualora alla predetta data il contribuente si trovasse in una delle condizioni tali da far scattare l’applicazione della causa ostativa in esame già a partire dal 2019, lo stesso potrà comunque applicare nell’anno 2019 il regime forfetario, ma dovrà rimuovere la causa ostativa entro la fine del 2019, a pena di fuoriuscita dal regime forfetario dal 2020.”

Questo significherebbe che per accedere al regime forfettario quest’anno è necessario avere avuto ricavi conformi l’anno scorso, ma si possono rimuovere eventuali ostacoli di accesso quest’anno stesso.

Studi Associati, Sas, Snc e il nuovo regime forfettario

Sul piano fiscale gli Studi Associati sono arrivati a fine corsa. Se serviva ancora un colpo per abbattere la convenienza a costituire uno studio associato tra dentisti, il legislatore ci è riuscito perfettamente.

La Legge esclude esplicitamente la possibilità di accedere al regime forfettario per quei professionisti che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni.

Lo studio associato è, a tutti gli effetti, una società di persone. Fine della storia.

Lo stesso vale per le altre società di persone, come ad esempio le Sas e le Snc odontoiatriche.

La Stp Odontoiatrica e il nuovo regime forfettario

Il tema delle Stp era già abbastanza confuso in precedenza, figuriamoci adesso.

Sul piano giuridico la Stp può essere sia una società di persone che una società di capitali.

Nel primo caso (Stp Sas, Stp Snc, ecc) la norma esclude i professionisti soci di Stp per lo stesso motivo per cui esclude quelli che sono soci di uno studio associato. Dunque non c’è molto da aggiungere.

Nel secondo caso è prassi considerare la Stp alla stessa stregua di una Srl pura, sia sotto il profilo civilistico che sotto quello fiscale. Ma ci sono elementi limitanti cui bisogna porre attenzione:

  • In primo luogo è pacifico che l’oggetto sociale di una Stp sia coincidente con l’attività professionale svolta, giacché questa è una delle caratteristiche costitutive della Stp. Viene a cadere dunque l’ipotesi di ammissione al regime forfettario derivante da un diverso oggetto sociale tra professionista e società di cui è partecipe.
  • In secondo luogo la Stp prevede obbligatoriamente il controllo (almeno 2\3) da parte del professionista sulle delibere assembleari. Se dunque il professionista è unico all’interno della Stp (per esempio in compagnia di uno o più soci di capitale) la sua esclusione dal regime forfetario è matematica e non risolvibile mediante cessione di quote. Se invece la maggioranza dei 2/3 di controllo è spalmata su più professionisti sembra logico pensare che, per analogia, possa valere quanto già detto in proposito della Srl Odontoiatrica.

Il mio parere è che non esista nessuna ragione al mondo che possa indurre un professionista a complicarsi la vita con una Stp Srl quando può disporre di uno strumento molto più collaudato ed eclettico, che è appunto la Srl pura: tuttavia esistono situazioni nelle quali la Stp consente di accedere agli stessi benefici fiscali della Srl.

Altri vantaggi del regime forfettario

L’adozione del regime forfetario comporta anche una serie di altre semplificazioni ai fini Iva e ai fini delle imposte dirette. Le semplificazioni ai fini Iva sono le seguenti:

  • Non si addebita l’Iva in fattura ai propri clienti né si detrae l’imposta assolta sugli acquisti
  • Esonero dagli obblighi di liquidazione e versamento dell’imposta e di presentazione della dichiarazione annuale
  • Esonero dall’obbligo di registrare le fatture emesse, i corrispettivi e gli acquisti
  • Esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica. Tuttavia, a favore dei contribuenti che, pur essendo in regime forfetario, hanno un fatturato annuo costituito esclusivamente da fatture elettroniche, è previsto un regime premiale: il termine di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento è ridotto di un anno, ossia a quattro anni anziché gli ordinari cinque.

Le semplificazioni ai fini delle imposte sui redditi, invece, sono le seguenti:

  • Esonero dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili, fermo restando l’obbligo di tenere e conservare i registri previsti da disposizioni diverse da quelle tributarie
  • Esclusione dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale
  • Esonero dall’obbligo di ritenute alla fonte, ad eccezione di quelle sui redditi di lavoro dipendente e sui redditi ad essi assimilati. Tuttavia, nella dichiarazione dei redditi, si devono indicare il codice fiscale di chi ha percepito redditi per i quali non è stata operata la ritenuta e l’ammontare degli stessi
  • Esonero dalla ritenuta d’acconto in relazione ai ricavi o compensi percepiti. A tal fine, si deve rilasciare un’apposita dichiarazione al sostituto per attestare che si tratta di reddito soggetto a imposta sostitutiva.

Organizzazione dello studio dentistico: solo una questione di metodo.

L’organizzazione di uno studio dentistico è un lavoro di Sisifo: non finisce mai. Richiede qualità personali che non tutti possiedono e che si trovano più facilmente all’interno di un gruppo: precisione e perseveranza. Uno studio ben organizzato non vanifica gli sforzi e massimizza i risultati, sia economici che clinici. Il metodo per processi qui descritto è da decenni il gold standard nella organizzazione di tutte le imprese, grandi o piccole che siano.

L’organizzazione dello studio dentistico presenta le stesse difficoltà di una struttura sanitaria complessa o di una azienda di grandi dimensioni: dipendenti, fornitori, sicurezza, prestazioni, archivi, magazzino, manutenzioni, e molto altro ancora.

Tutto questo è fonte di stress e di disagio per il dentista che si trova a dover gestire problemi di cui non avrebbe mai voluto occuparsi e per i quali, molto spesso, non ha neppure una formazione specifica.

Nella maggior parte dei casi il dentista è uno che … avrebbe tanto voluto fare il dentista.

Ma l’organizzazione dello studio dentistico è anche fonte di frustrazione per il personale di studio che spesso ne percepisce la complessità come un problema senza soluzioni pratiche e attuabili.

Eppure la soluzione esiste, è semplice ed è applicabile in qualsiasi contesto: sia che si tratti di uno studio con una sola poltrona, o di una clinica odontoiatrica.

In una parola possiamo dire che è una questione di metodo. Vediamo insieme di cosa si tratta.

[Se oggi non hai voglia di leggere tutto, puoi guardare questo video, riassume praticamente gli stessi concetti: ] Leggi tutto “Organizzazione dello studio dentistico: solo una questione di metodo.”

Riscossione accentrata dei compensi nello studio dentistico

Quando all’interno dello studio operano soggetti diversi dal titolare come devono essere gestiti i pagamenti del paziente? Chi deve incassare? Chi deve emettere la fattura? Per il fisco esiste una differenza fondamentale tra il consulente o collaboratore e l’odontoiatra che opera autonomamente. Questa differenza sulle modalità di riscossione dipende formalmente dal tipo di contratto in essere (che deve essere esibito).

La riscossione accentrata dei compensi è una delle norme più controverse e disattese tra i dentisti. Il problema si pone ogniqualvolta un dentista operi in uno studio di un collega o di una struttura sanitaria vera e propria (come, per esempio, una srl odontoiatrica). Quindi la normativa riguarda tutti gli studi frequentati da consulenti o collaboratori esterni.

Ci sono fondamentalmente due situazioni possibili:

  • nella prima il consulente opera per conto dello studio in virtù di un contratto di collaborazione: il paziente afferisce al titolare dello studio ed è con questo che si instaura il contratto d’opera professionale.
  • nella seconda il consulente opera per conto proprio in virtù di un contratto di affitto di locali all’interno dello studio: il paziente afferisce direttamente al collaboratore che perde questa qualifica per assumerne una identica al titolare di studio.

E’ solo per questo secondo caso che vale e si applica la norma sulla riscossione accentrata dei compensi.

Il contenuto che segue è stato elaborato con il contributo prezioso di un esperto in ambito odontoiatrico, il Dott. Lo Bello, commercialista di Padova.

Leggi tutto “Riscossione accentrata dei compensi nello studio dentistico”

Stp odontoiatrica: le tante ragioni del no

Perchè la Stp non piace ai dentisti? Perchè non viene adottata nonostante gli sforzi delle istituzioni per renderla appetibile o addirittura obbligatoria? Perchè il numero delle Srl è cresciuto ad un ritmo del 25% negli ultimi 4 anni mentre nello stesso periodo le Stp sono arrivate ad un massimo di 60 su tutto il territorio nazionale?

Come noto a tutti, dopo l’introduzione delle Stp avvenuta nel 2011 (rectius 2012), i modelli organizzativi della professione possibili sul piano giuridico sono sostanzialmente tre:

  1. l’esercizio personale puro in forma di studio professionale tradizionale o di consulenza;
  2. l’esercizio in forma di capitale puro attraverso una società srl odontoiatrica;
  3. l’esercizio in forma mista mediante la costituzione di una Stp, ovvero società tra professionisti.

Questa classificazione è un po’ semplicistica ma ha il merito di focalizzarsi bene sulla realtà delle cose. Essa riflette anche la visione sul tema del Ministero per lo Sviluppo Economico (vd. parere MISE), che per ben due volte è stato chiamato ad esprimersi sull’argomento.

La prima modalità, quella personale, è di gran lunga la più praticata dai professionisti italiani, ricomprendendo in essa anche la realtà degli studi associati. Non ha bisogno di particolari descrizioni perchè tutti i dentisti sanno di cosa si tratta.

La seconda, quella delle srl odontoiatrica, ha goduto di enorme successo soprattutto con l’ingresso nel mercato dei gruppi economici e della cosiddetta odontoiatria d’impresa. Secondo fonti autorevoli le società attualmente sono oltre 5.000 su un totale di 65.000 esercenti la professione con un trend di crescita molto alto. Ma solo una piccola parte di queste è rappresentata dai marchi delle cosiddette catene, segno che i professionisti hanno intuito il potenziale delle srl e lo stanno sfruttando.

La terza, infine, è stata introdotta nell’ordinamento giuridico solo di recente (nella pratica dal 2013) e sembra non decollare mai nelle preferenze dei dentisti e dei loro consulenti, visto che la stessa fonte accredita alla data di oggi solamente 60 Stp sul territorio nazionale. Sembrerebbe la cronaca di un fallimento annunciato.

Perché accade questo? Perché la Stp non piace ai dentisti? Perché non viene adottata nonostante gli sforzi delle istituzioni per renderla appetibile o addirittura obbligatoria (vd. continui emendamenti proposti al Ddl concorrenza in discussione da quasi due anni in Parlamento)? Perché il numero delle Srl è cresciuto ad un ritmo del 25% negli ultimi 4 anni mentre nello stesso periodo le Stp sono al palo?

La risposta è semplice: la Stp non conviene ai dentisti!

In presenza di forme associative alternative come lo Studio Associato o la Srl odontoiatrica i dentisti optano e opteranno sempre per quella più conveniente, salvo che con un editto di Stato ciò gli venga impedito nel prossimo futuro.

Vediamo insieme perchè la Stp non conviene, al netto di tutte le considerazioni sulla genesi normativa delle società odontoiatriche. Leggi tutto “Stp odontoiatrica: le tante ragioni del no”

730 PRECOMPILATO E STUDIO ASSOCIATO

730 PRECOMPILATO E STUDI ASSOCIATI

730 precompilato e Studi Associati

E’ stata appena diffusa una nota esplicativa da parte della FNOMCEO sugli adempimenti per gli Studi Associati in relazione all’obbligo di trasmissione dei dati al Sistema Tessera Sanitaria. Leggi tutto “730 PRECOMPILATO E STUDIO ASSOCIATO”

Studio Associato tra dentisti: vantaggi e svantaggi

La forma di aggregazione più frequente tra i dentisti italiani è lo Studio Associato. Questo è dovuto principalmente ai limiti culturali dei professionisti che sono poco avvezzi all’utilizzo di strumenti societari più evoluti come la Srl odontoiatrica. Per il dentista che ha in mente un progetto di aggregazione è dunque bene conoscere i vantaggi, ma soprattutto i limiti di una associazione professionale rispetto ad un’altra.

Lo Studio Associato è una delle soluzioni possibili al problema dei costi elevati di uno studio dentistico.

Nei post precedenti abbiamo già introdotto le forme di aggregazione più semplici: il Contratto di Rete  e il Condominio Professionale.  Come detto, entrambe queste soluzioni sono caratterizzate da una forte connotazione personale degli individui che ne prendono parte. Sono particolarmente adatte a quei professionisti che non intendono rinunciare alla propria individualità in cambio dei benefici derivanti dalla costituzione di un gruppo. Per questa ragione potremmo dire che i soggetti coinvolti isolano le proprie componenti attive (incassi, clientela, utili, produzione) dal contesto associativo del gruppo, limitandosi a condividere quelle passive (acquisti, fornitori, magazzino, comunicazione, manutenzioni, ecc) in una mera prospettiva di riduzione dei costi di gestione.

Queste soluzioni comportano rischi e benefici (o vantaggi e svantaggi) che abbiamo sommariamente già riassunto nei post dedicati e che, almeno in parte, possono essere superati con forme più strutturate di aggregazione. Tra queste ultime, proseguendo il percorso in ordine crescente di complessità pratica, troviamo lo Studio Associato.

Vediamo di cosa si tratta. Leggi tutto “Studio Associato tra dentisti: vantaggi e svantaggi”