Commissione disciplinare e pubblicità sanitaria: decoro e concorrenza

Presentiamo una disamina della situazione normativa attuale in tema di pubblicità sanitaria che espone l’odontoiatra al rischio di sanzioni da parte della commissione disciplinare del proprio ordine. Tra deregolamentazione selvaggia, strategie commerciali applicate alla salute, interessi contrapposti tra soggetti diversi, guerriglie istituzionali tra organismi dello stato, ambiguità dei riferimenti normativi, iperrealismo e ipermetropia dei giudicanti, un dentista non sa più che comportamenti tenere per stare sul mercato in modo competitivo.

Sono passati pochi mesi dalla pubblicazione della Legge di Bilancio 2019  (Legge 30/12/2018, n. 145) e la commissione disciplinare di un Ordine ha già colpito: è così che i timori espressi da più parti si sono puntualmente materializzati.

Anche su questo blog ci siamo dedicati al tema della pubblicità odontoiatrica esprimendo una certa soddisfazione per il senso generale della legge in questione ma sospendendo il giudizio riguardo ai modi con cui il nuovo indirizzo è stato intrapreso.

Oggi stanno accadendo fatti nuovi che ci obbligano a non rinviare ulteriormente la riflessione sul tema della pubblicità in odontoiatria, se è vero che le componenti soggettive e discrezionali contenute in quella legge vengono utilizzate in modo strumentale da una commissione disciplinare per fare giustizia politica e sommaria verso i propri competitors.

Prenderò dunque spunto da questi eventi di cronaca per approfondire nel particolare ogni aspetto della questione.

Ci interessa capire se una sospensione dall’Albo inflitta dalla Commissione Disciplinare dell’Ordine ed i relativi addebiti abbiano basi solide oppure no. Leggi tutto “Commissione disciplinare e pubblicità sanitaria: decoro e concorrenza”

Come gestire la pagina Facebook in modo efficace

Gestire una pagina Facebook per lo studio dentistico è una attività sfidante ma al contempo scoraggiante, divertente ma frustrante, semplice ma faticosa. Proviamo a riassumere i concetti fondamentali per un dentista comune, da fare propri prima che l’entusiasmo iniziale si trasformi progressivamente in abbandono e poi in odio vero e proprio. Il senso di questo articolo può essere riassunto tutto in una frase: l’attività social è un lavoro, può essere delegato solo in parte e non è gratis. Buona lettura.

pagina facebookSottovalutata e, alle volte, gestita in modo superficiale se non banale, la pagina Facebook è uno dei tasselli principali che definiscono l’identità digitale dello Studio nel web.

C’è chi la usa unicamente come database di immagini cliniche, chi pubblica una foto all’anno o chi, perfino, pubblica contenuti incoerenti con la natura deontologica della professione.

Molti, scommettiamo, sono scoraggiati e trattenuti dal pubblicare contenuti su Facebook a causa delle scarse performance e, di conseguenza, del feedback ricevuto: praticamente assente, 2 like, se non 0, e ogni tanto il commento della paziente che è solita mandare il buongiornissimo su WhatsApp.

Una cosa si evince facilmente: l’utilità, e soprattutto il potenziale, della pagina Facebook è qualcosa di non ancora compiutamente percepito.

Questo articolo sarà una sintesi essenziale di tutto quello che secondo noi devi sapere per gestirla in modo efficace.  Leggi tutto “Come gestire la pagina Facebook in modo efficace”

Il Social Media Manager nello Studio Dentistico

Una nuova professionalità si affaccia prepotentemente negli studi dentistici: è quella del Social Media Manager. Il passaggio fondamentale è prendere coscienza che si tratta di una funzione con responsabilità e obiettivi precisi, che lascia poco spazio alla improvvisazione. Il Social Media Manager veicola presso il pubblico l’immagine dello studio e ne è ambasciatore. Da lui dipende in gran parte il successo del dentista ma anche il rischio di sanzioni per un uso “promozionale” o “suggestivo” dei mezzi di comunicazione.

Social Media ManagerPer capire l’importanza del Social Media Manager (SMM) in uno Studio Dentistico bisogna dare uno sguardo al contesto nel quale stiamo operando.

Si può affermare senza tema di smentita che, all’alba del 2019, il social media marketing rappresenti la possibilità di un brand di creare conversazione. Esso infatti poggia su canali di comunicazione, quali sono i social network, che livellano la differenza ontologica fra brand e utente, permettendo loro di affacciarsi alla comunità virtuale nello stesso modo.

Mai, nella storia del marketing, v’era stata la possibilità di un dialogo aperto fra le due parti, ancor meno che se ne instaurasse uno in grado di porle sullo stesso piano: un dialogo fra due identità digitali, identiche agli occhi dell’ecosistema di appartenenza Leggi tutto “Il Social Media Manager nello Studio Dentistico”

Pubblicità odontoiatrica: la rivincita del content marketing sui markettari

La norma sulla pubblicità sanitaria contenuta nella Legge di Bilancio 2019 è molto diversa da quella che sembra in prima battuta. Condensa in poche righe un significato profondo, forse addirittura maggiore e più completo di quelle che erano le intenzioni stesse del legislatore. A conti fatti sembrerebbe una buona notizia, sempre a patto che ci si trovi dalla parte giusta della barricata. In qualche modo la norma si pone nel solco naturale evolutivo del Marketing stesso, coerente e fisiologica.

Come noto, la Legge di Bilancio 2019 (Legge 30/12/2018, n. 145), ha approvato alcune modifiche sostanziali al diritto di pubblicità sanitaria e quindi della pubblicità odontoiatrica.

In particolare ci interessa il comma n. 525 dell’art. 1, nel quale leggiamo testualmente:

Le comunicazioni informative da parte delle strutture sanitarie private di cura e degli iscritti agli albi degli Ordini delle professioni sanitarie […] possono contenere unicamente le informazioni […] funzionali a garantire la sicurezza dei trattamenti sanitari, escluso qualsiasi elemento di carattere promozionale o suggestivo, nel rispetto della libera e consapevole determinazione del paziente, a tutela della salute pubblica, della dignità della persona e del suo diritto a una corretta informazione sanitaria.

E’ di nostro interesse anche il comma 536 dello stesso articolo che disciplina il nuovo meccanismo di controllo ed il relativo modello sanzionatorio da adottare. Ma non tratteremo questo tema per ora.

Con questo articolo mi vorrei soffermare piuttosto sul primo punto perchè lo ritengo di gran lunga più rilevante per la professione e denso di significato strategico. Leggi tutto “Pubblicità odontoiatrica: la rivincita del content marketing sui markettari”

Life Time Value del paziente in Odontoiatria

Valgono di più i pazienti storici o quelli nuovi? Esistono strategie di marketing idonee a valorizzare i pazienti già fidelizzati? Che rilevanza strategica ed economica hanno i vecchi pazienti in cura per uno studio dentistico? Proviamo a rispondere a questa domanda attraverso il concetto di Life Time Value, sul quale tutti noi ci siamo interrogati mille volte senza ricorrere per forza alla sua definizione anglosassone. Mai come in questo caso risultano evidenti le differenze tra imprenditori e professionisti medici.

life time valueIl Life Time Value di un paziente è il valore economico che può essere assegnato ad un paziente all’interno dello studio dentistico. Ci siamo già occupati di questo tema parlando della Vendita della clientela, quindi sotto un profilo giuridico e deontologico. Qui ci occupiamo del concetto di Marketing sotteso alla vendita.

Il concetto di life time value nasce negli ambienti manageriali di impresa tradizionale e si fonda sul concetto (corretto) che un cliente fidelizzato ha una abitudine di spesa nei confronti dell’impresa e che tale abitudine possa essere consolidata con un numero.

Tale numero o valore economico potrebbe rappresentare la spesa media di un dato paziente in un anno nel nostro studio.

Il discorso è interessante perchè apre scenari pratici e strategici sia nel controllo di gestione sia nella pianificazione vera e propria delle attività di impresa. Peccato che nel caso degli studi dentistici (soprattutto quelli gestiti da medici) presenti debolezze e criticità rilevanti.

Ma non buttiamo via il bambino con l’acqua sporca e vediamo cosa possiamo salvare e cosa invece dobbiamo scartare. Leggi tutto “Life Time Value del paziente in Odontoiatria”

11 motivi per passare dal marketing tradizionale a quello digitale

Il Marketing Digitale in pochi anni ha penetrato il Marketing generale con la forza di una sineddoche: una piccola porzione dell’insieme ha finito con il rappresentare l’insieme stesso. Oggi, non solo non è più possibile pensare una strategia di marketing senza il digitale, ma addirittura il digitale è la strategia di marketing. Il settore odontoiatrico ha vissuto questa trasformazione in modo tumultuoso: neppure il tempo di capire che il marketing era una attività lecita e reddititizia, che subito gli strumenti tradizionali sono diventati obsoleti. Il risultato è che oggi pochi dentisti sono in corsa per conquistarsi l’unica reputazione che conta: quella che indirizza la stima e l’apprezzamento dei propri pazienti. Tutto questo grazie al web.

marketing digitaleNel settore odontoiatrico la concorrenza sta aumentando in maniera esponenziale: in questo senso il marketing diventa quindi una risorsa essenziale per potersi differenziare e sfruttare canali di comunicazione generalmente inesplorati nell’ambito clinico.

Nel seguente testo analizzeremo, per prima cosa, le differenze fra quello che comunemente viene definito marketing tradizionale e la sua più innovativa versione: il marketing digitale.

Daremo poi una visione all’offerta digitale valutandone le dinamiche e la possibilità di cambiamento fra le due diverse tipologie di marketing, stilando quindi una lista di 11 elementi che riteniamo essenziali per una strategia vincente. Leggi tutto “11 motivi per passare dal marketing tradizionale a quello digitale”

La gestione della relazione con i pazienti e il valore dello studio

Abbiamo cominciato tutti con gli sms per ricordare gli appuntamenti. Poi siamo passati agli auguri per il compleanno o per Natale. Poi, mano a mano, ci siamo persi sulla strada di una attività della quale coglievamo il valore di marketing ma che ci avrebbe assorbito più tempo o risorse di quanto ci potessimo permettere. Anche in questo caso la tecnologia informatica ci viene in soccorso con workflow intelligenti finalizzati a mantenere un contatto continuo (reale e personalizzato) con i nostri pazienti: dalle lettere di presentazione ai consensi informati, dai preventivi allo stato di avanzamento, dagli inviti alle prescrizioni. Tutto questo è e sarà sempre di più il CRM.

crmCRM (o PRM) è un acronimo con cui si definisce un software gestionale per lo studio odontoiatrico che metta al centro dell’attenzione dello studio i tuoi pazienti, con funzioni specifiche per gestire la relazione con essi (Customer Relationship Management)

Il tuo lavoro ha valore e l’impegno che infondi nel costruire una solida relazione con i tuoi pazienti dovrebbe assicurarti la loro fiducia. Tuttavia, questo richiede un grande impiego di tempo, dal momento che uno studio odontoiatrico non è un pronto soccorso, dove vengono eseguite prestazioni a completi sconosciuti. Lo studio vive e cresce del rapporto che instaura con i propri pazienti, che dovrebbero consigliarti ad amici e parenti, fortificando la tua reputazione.

La qualità del servizio offerto dallo studio e percepita dai pazienti è proporzionale alla fiducia che ripongono e risiede quindi nel rapporto che riesci a costruire con loro. Il passaparola è spesso molto lento e, come sai, lo sviluppo costante della tua base di pazienti è impegnativo e  richiede degli anni.

Il passaparola, come unico approccio, molto probabilmente non è sufficiente a rendere lo studio un punto di riferimento per i nuovi pazienti: “farsi consigliare” un buon odontoiatra da amici o parenti resta una sicurezza per un paziente interessato al tuo studio, ma oggi non è l’unica via percorribile per ampliare la tua rete di pazienti.

Oggi esistono strumenti molto sofisticati, ma semplici da utilizzare, che permettono di migliorare i processi di organizzazione interna e, allo stesso tempo, gestiscono la comunicazione tra lo studio ed i pazienti.

Il principio di fondo è questo:

abbattere la distanza tra medico e pazienti aumenta la trasparenza e con essa la fiducia che il paziente ripone nello studio.

Leggi tutto “La gestione della relazione con i pazienti e il valore dello studio”