Microscope Economics nello studio dentistico

L’acquisto di un Microscopio Operatorio è diverso da altri tipi di investimenti e pone in modo più significativo il problema di scegliere tra equilibrio economico dello studio e la qualità delle prestazioni. In questo articolo mostriamo l’impatto che esso può avere sui risultati numerici della nostra attività anche in relazione al variare dei processi di lavoro clinico ed in particolare al tempo impiegato per eseguire le prestazioni.

microscopio operatorioCome noto a tutti uno dei motori essenziali della competitività è rappresentato dagli investimenti tecnologici ed un numero crescente di dentisti sente la necessità di dotarsi di un Microscopio Operatorio, non solo per ragioni cliniche.

Uno studio dentistico che investa continuamente in tecnologia si doterà progressivamente di una CBCT, di scanner intraorali, di stampanti 3d o di fresatori, di laser, e di molto altro ancora. Qual è il rischio che lo studio possa trovarsi seppellito dal peso di questi investimenti ancor prima di ricavarne i benefici economici attesi?

Alcuni di essi sono già stati trattati in articoli precedenti, ai quali rimando (Cerec Economics, iTero Economics).

In questo articolo ci occuperemo del Microscopio Operatorio: ne valuteremo l’impatto economico su uno studio di dimensioni medie e vedremo come può essere ragionevolmente stimato il rischio di investimento.

Per fare questo ci focalizzeremo sul metodo di valutazione più adatto in modo che ciascuno di voi possa adottarlo semplicemente nella propria realtà professionale e trarre conclusioni specifiche sulla opportunità o meno, sul piano meramente economico, di impegnarsi nell’acquisto. Leggi tutto “Microscope Economics nello studio dentistico”

Break Even Point dello studio dentistico

I dentisti hanno poca dimestichezza con espressioni come Break Even Point, Capacità Produttiva Massima, Margine di contribuzione o Ebit. In questo articolo riassumo con l’aiuto di infografiche i concetti fondamentali per il controllo di gestione dello studio dentistico.

break even pointIl Break Even Point del proprio studio è una delle informazioni più importanti che un dentista dovrebbe possedere. Questo non si verifica quasi mai per una serie di ragioni tra le quali certamente figurano carenze formative specifiche e difficoltà oggettive nel reperimento delle informazioni.

Ora dedichiamo un nuovo articolo all’argomento, dopo averne già parlato qui, dandogli un taglio più didattico e semplice, fornendo al contempo indicazioni tecniche su come effettuare i calcoli in autonomia nel proprio studio. Leggi tutto “Break Even Point dello studio dentistico”

Cerec Economics: le ragioni numeriche di un investimento

Cerec EconomicsCome già accaduto nel caso dell’Ortodonzia (vd. Invisalign Economics) anche in Protesi è venuto il momento di fare un bilancio economico tra le diverse opzioni terapeutiche dopo l’introduzione delle nuove tecnologie Cad Cam: per questo parliamo di Cerec Economics.

Il nostro studio ha appena registrato 5 anni di Cerec ®, con tutti i dati economici e finanziari relativi, avendo adottato questa sistematica nel Gennaio 2012: siamo quindi in grado di fare un bilancio meramente economico e attendibile su questa esperienza.

Se qualcuno tra i lettori di questo blog si è mai fatto domande sull’utilizzo del Cerec ®, sull’opportunità dell’investimento, sull’impatto economico ed organizzativo che il Cad-Cam (questo Cad-Cam) ha su un normale studio dentistico (il nostro è uno studio di tre poltrone), allora troverà qui tutte le risposte che cerca. Leggi tutto “Cerec Economics: le ragioni numeriche di un investimento”

Costi variabili dello studio dentistico: valore strategico

costi variabiliAbbiamo parlato a lungo in questo blog dei costi fissi e della loro importanza nella determinazione del costo orario della prestazione, ora ci possiamo dedicare ai costi variabili.

I costi variabili, come dice il nome stesso, sono quell’insieme di costi dello studio che variano a seconda dei volumi di lavoro che lo studio compie. A differenza dei costi fissi che rimangono sempre costanti nel tempo, i costi variabili diminuiscono (fino anche ad azzerarsi) alla riduzione delle attività dello studio ed aumentano proporzionalmente all’aumentare di queste. Leggi tutto “Costi variabili dello studio dentistico: valore strategico”

Guadagno orario: l’indicatore più importante per studio e consulente

Forse è tempo che anche i dentisti imparino a familiarizzare con le cosiddette KPI (o Indicatori di Performance) se vogliono smettere di girare la ruota correndo come criceti. Tra questi indicatori il Guadagno Orario o Ebit H è certamente il più importante.

guadagno orarioVi sono molti tipi di guadagno (o di utile) in uno studio odontoiatrico, ma pochi dentisti sono coscienti del fatto che il Guadagno Orario sia il più importante indicatore sul fronte delle attività. E’ invece probabile che il concetto di guadagno orario sia più familiare ad una particolare categoria di dentisti, i cosiddetti consulenti, per la natura intrinsecamente precaria della loro professione.

Il guadagno orario rappresenta sul fronte delle attività quello che il costo orario rappresenta sul fronte delle passività.

In questo articolo intendo spiegare precisamente cosa si intenda per guadagno orario e perchè sia così fondamentale il suo utilizzo per una corretta gestione della attività professionale. Leggi tutto “Guadagno orario: l’indicatore più importante per studio e consulente”

Corso Digitale Dentista Manager

Sono felice di comunicare che è disponibile sul web (per la prima volta) una piattaforma per il Corso Digitale Dentista Manager. In pochi giorni, oltre 1.000 dentisti si sono già iscritti gratuitamente. Leggi tutto “Corso Digitale Dentista Manager”